A.D. 11/11/11, ore 11:11:11: io c’ero!

A.D. 11/11/11, ore 11:11:11: io c’ero!

Il senso dei numeri per l’uomo

Numeri

Nella nostra esperienza quotidiana capita di imbatterci in sequenze numeriche singolari.

Giochi a poker e ti capita una Scala Reale servita!

Vai a pranzare, guardi l’orologio, fa le 12.34, oppure vai a letto a mezzanotte e nel buio della notte vedi il display della sveglia che indica le 0:00, come se fosse un attimo senza tempo…

Accendi il motore della tua automobile e constati dal contachilometri che hai già percorso 123.456 chilometri (e magari 700 metri…).

Fai un giro in Val D’Aosta e improvvisamente ti trovi dietro una vecchia auto targata AO666666.

Segui le Estrazioni del Lotto e scopri che i numeri che hai scelto corrispondono a quelli estratti…

Guardi il calendario e ti accorgi che è l’11 novembre del 2011, ovvero l’11/11/11, secondo le consuete abbreviazioni.

Da sempre l’uomo ha fatto caso alle combinazioni di numeri, che sembrano talvolta disporsi in modo così particolare da sembrare che portino con sè qualche messaggio recondito, un po’ come accade alle stelle che sono lontanissime tra di loro, ma rispetto alla nostra prospettiva sembrano disegnare figure riconoscibili. La Cabala ebraica o la Smorfia napoletana sono esempi prestigiosi dell’attenzione ai numeri e al loro significato.

Anch’io sono affascinato dai numeri che talvolta si dispongono in modo singolare, così per curiosità stamattina ho provato a digitare sul motore di ricerca 11-11-11 per vedere che cosa veniva fuori.

Leggi il seguito