Vision

Lampadina

Vision

 

 

 

Ogni uomo è naturalmente orientato verso il benessere

Anche se a volte si comporta in modo esattamente contrario, come a rispondere ad una sorta di “istinto di morte”, ampiamente analizzato da tanti eminenti autori, a partire da Sigmund Freud.

Quando alcune circostanze provocano uno squilibrio si mette in moto un sistema di segnali sempre più intensi, dal semplice fastidio al dolore acuto, che spingono l’uomo a cercare di eliminare questi sintomi e ritrovare una condizione piacevole.

Questo meccanismo si verifica anche nelle relazioni umane: l’uomo è un “animale sociale” che ha appreso e compreso che il proprio benessere è intimamente legato al benessere degli altri componenti del gruppo. L’uomo è dunque sensibile ai segnali dei suoi simili, risuona del dolore altrui, tanto più quanto più è affettivamente vicino, pertanto tende normalmente a rivolgergli attenzione. È un modo di salvaguardare contemporaneamente il benessere di una intera comunità e di ogni singolo componente: un gruppo gode di buona salute se i suoi membri stanno bene, così come ogni componente di una comunità è più protetto e ha più opportunità di stare bene in una comunità sana. Eppure anche a livello sociale spesso l’uomo si muove seguendo uno stile egoista, comportandosi con indifferenza o addirittura ostilità nei confronti degli altri.

Insomma la naturale tendenza a stare bene, prendersi cura di sé e degli altri spesso viene compromessa da circostanze interne o esterne: in questi casi l’uomo sembra muoversi in senso contrario rispetto alle proprie necessità e a quelle dei suoi simili.

Il dolore e la sofferenza, fisica e/o psicologica, sono i sintomi di questa difficoltà e sono in fondo un segnale che il meccanismo non è ancora rotto completamente: funzionano almeno i campanelli d’allarme, il cui segnale è sempre più forte, fino ad essere insopportabile. Il loro messaggio è perentorio: devi curarti! Se non ce la fai da solo chiedi aiuto!

C’è sempre una parte sana

Nonostante tutti i problemi, le difficoltà, le esperienze dolorose, eventuali traumi, la sensazione che la propria vita sia in disordine, se non rovinata, ci sono comunque parti “intatte”, una serie di conoscenze, capacità, competenze utili e funzionali al proprio benessere, cui è possibile fare riferimento per affrontare le difficoltà quotidiane e superare gli ostacoli o ripartire per ricostruire condizioni di vita migliori e recuperare una visione migliore di se stessi e del proprio futuro.

L’uomo possiede una straordinaria capacità di “sopportare gli urti senza rompersi”, che è la definizione di resilienza. L’intelligenza di cui è dotato gli permettono di elaborare creative strategie di risoluzione dei problemi, che possono essere trasformati in progetti, attraverso una pianificazione di obiettivi personali e relative modalità per raggiungerli. Anche nelle situazioni più gravi e complicate, quando ci si sente privi di forze, incapaci di reagire, di trovare vie d’uscita, soli, senza amici o familiari, rassegnati se non disperati, esiste comunque un prezioso tessuto sociale, fatto di tante persone concrete che possono supportare, proteggere, dare aiuto, restituire speranza.

Nel logo si riassume la nostra vision

logo-curarti-03-20Due figure stilizzate, viste dall’alto, che si abbracciano: due persone unite in uno spazio di attenzione e cura reciproca, in cui ognuno mantiene la propria individualità e nello stesso tempo dà e riceve affetto. Sono anche parti presenti in ogni uomo, che nei termini dell’Analisi Transazionale ha dentro di sè un Bambino che ha bisogno di cura, attenzione, protezione per poter stare bene, vivere sereno, giocare felice, e un Genitore in grado di rispondere a queste esigenze.

scritta-curartiAttraverso il gioco di parole tra Cura e Arti si intende sottolineare l’importanza di non dimenticarci di prenderci cura di noi stessi, dedicarci tempo, spazio, attenzione, individuare ciò che più ci fa stare bene, le cose che ci appassionano e che ci danno nutrimento, magari un campo d’azione privilegiato.

PSICOLOGIA – EDUCAZIONE – ESPRESSIONE

Desideriamo mettere le nostre conoscenze e competenze in queste aree a disposizione delle esigenze di benessere e di crescita personale e di quanti vivono difficoltà personali e relazionali e hanno bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro per recuperare la capacità di prendersi cura di sé.